Ritrovo davanti alla Cassa Rurale alle ore 10.30

 

Il 25 luglio 1894, 125 anni orsono, veniva fondata la Cassa Rurale, pilastro fondamentale, assieme alla Società Cooperativa di Consumo dell’economia ampezzana della fine del 1800. Denaro a quei tempi ve n’era certamente poco ovunque, ma quasi sempre bastava a sostenere le necessità delle famiglie e delle prime aziende. Non mancavano però speculatori e usurai che, sfruttando la povertà e la debolezza di chi viveva nel bisogno, riuscivano spesso ad appropriarsi di terreni, bestiame e di altri beni in cambio magari soltanto di un “ciadin de faa” o di una “pùdela de aga de ita”. Dal 1600 a tutto il 1800, chi avesse avuto bisogno di un prestito in denaro e non avesse voluto far ricorso ai sordidi personaggi sopracitati, doveva rivolgersi al Comune (che pure dimostrò sempre una notevole magnanimità nel soccorrere gli indigenti, assegnando loro aiuti in denaro: vedi distribuzioni di sussidi attuate nel 1849, 1859 e 1864). Il Comune, e talora anche le Regole e le confraternite delle cappelle, in caso di indilazionabili richieste, prestavano piccole somme di denaro a privati, ma non potevano né dovevano essere una banca nel senso proprio del termine. L’Ampezzano stretto dalla necessità doveva recarsi a Bolzano o a Innsbruck sobbarcandosi un viaggio lungo, costoso e faticoso, per qualcuno anche umiliante, senza avere la certezza di ottenere quello di cui necessitava. Date le crescenti necessità, qualcuno stimò che fossero maturi i tempi per porre le basi di una banca locale, che accettasse innanzitutto i piccoli risparmi per custodirli e farli fruttare, e soprattutto potesse erogare prestiti ad interessi onesti sulla base della conoscenza diretta dei richiedenti e di eventuali garanzie personali. Il motore propulsore per la costituzione della Cassa Rurale fu il sacerdote don Alfonso Videsott di San Martino in Badia, che il 28 maggio 1893 aveva già fondato la Società Cooperativa di Consumo citata all’inizio. La Cassa Rurale si basava sull’idea ed il sistema del pioniere tedesco Raiffeisen e sul modello di alcune casse rurali simili già sorte nel Tirolo.